Vai al contenuto

Gargolleria #29

Fonte: «The Blue Poetry Book» (1891) di Andrew Lang.

Per quanto rimangano creature affamate di parole e di pagine, lo sguardo delle gargolle talvolta non disdegna di posarsi anche su frammenti visivi che, come piccole tessere di un più grande mosaico caotico e multiforme, sono in grado di restituire sensazioni a loro assai gradite.

1 commento su “Gargolleria #29”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *